Psicologia giuridicaDot

E' un settore specifico in cui la Psicologia affianca la pratica forense.

La psicologia giuridica è chiamata principalmente a descrivere il profilo psicologico delle persone implicate in procedimenti giudiziari, al fine di raccogliere dati comportamentali, di personalità e sottoporli al vaglio dell'autorità giudiziaria incaricata del processo civile o penale.

Lo specialista in psicologia giuridica è una figura professionale che ha acquisito conoscenze e competenze tecniche specifiche su aspetti della psicologia riguardanti la pratica giuridica e forense. Effettua valutazioni di tipo clinico-forense su condizioni psichiche, psicopatologiche, su risorse personali, familiari, sociali, ambientali del soggetto in esame. Fornisce cioè un parere tecnico agli operatori della giustizia, magistrati e legali, per aiutarli nello svolgimento del loro ruolo.

Lo psicologo giuridico può essere nominato dal Giudice come Consulente Tecnico di Ufficio (CTU) e in tal caso svolge la funzione di Ausiliario del Giudice. Il suo compito è di fornire un parere specialistico, avvalendosi di strumenti psicodiagnostici, quali il colloquio, l'osservazione, i test psicologici, e di rispondere in maniera puntuale e precisa ai quesiti posti dal Giudice, per consentirgli di avere più elementi per ponderare una decisione.

Lo psicologo giuridico può anche essere nominato come Consulente Tecnico di Parte (CTP) direttamente da un privato, ad esempio un Legale di una delle parti. Il suo compito è quello di assistere agli incontri di valutazione stabiliti dal CTU e di vigilare sul corretto svolgimento della perizia, avanzare osservazioni, fornire documenti per sostenere la posizione del proprio cliente.

In ambito civile l'intervento psicologico riguarda le seguenti aree:

  • Idoneità all'adozione nazionale ed internazionale
  • Affidamento di minori nei casi di separazione conflittuale
  • Valutazione ed eventuale quantificazione del Danno biologico di natura psichica (danno da lutto, imperizia professionale, incidente stradale, mobbing, stalking ecc)
  • Valutazione dello stato psichico nei casi d'interdizione e inabilitazione psichica
  • Rettificazione di attribuzione di sesso e modifica anagrafica

In ambito penale lo psicologo giuridico affianca e integra il lavoro peritale svolto da uno psichiatra forense incaricato di valutare:

  • Personalità dell'imputato
  • Capacità di intendere e di volere al momento dei fatti
  • Imputabilità e responsabilità dell'autore di reato
  • Pericolosità sociale

In ambito penale minorile l'intervento dello psicologo giuridico concerne:

  • Idoneità e attendibilità della testimonianza del minore
  • Valutazione del minore autore di reato (grado di maturità, imputabilità)
  • Presunto abuso sessuale o maltrattamenti su minori

“ Giustizia non esiste là ove non vi è libertà ”

- Luigi Einaudi -

Psicodiagnostica forenseDot

E' una metodologia specifica molto utilizzata nell'ambito della Psicologia Giuridica per esaminare la condizione psichica di individui coinvolti in procedimenti giudiziari al fine di rispondere, in modo obiettivo e accurato, ai quesiti posti dal giudice.

La psicodiagnostica forense permette di ottenere una valutazione psicologica, personologica e psicopatologica del soggetto attraverso l'uso di un repertorio integrato di strumenti: colloqui clinici, osservazioni, questionari, inventari di personalità, test proiettivi, test grafici, test psicometrici, esami neuropsicologici.

In ambito giuridico-peritale gli strumenti psicodiagnostici integrano le indagini inerenti le perizie psichiatriche, psicologiche e le consulenze tecniche d'ufficio, costituendone il supporto tecnico scientifico, attendibile, valido.

UTILIZZO DEI TEST IN AMBITO CIVILE:

con adulti

  • Ipotesi di provvedimento di restrizione della potestà genitoriale
  • Separazione coniugale e modalità di affidamento del figlio
  • Presentazione della domanda di adozione

con minori

  • Separazione dei genitori
  • Procedimento di allontanamento e/o apertura dello stato di adottabililità

UTILIZZO DEI TEST IN AMBITO PENALE:

con adulti

  • Valutazione della capacità di intendere e di volere al fine di accertare l'imputabilità e il grado di responsabilità, la pericolosità sociale. Lo psicologo giuridico può collaborare su richiesta di un collega psichiatra per la parte relativa alla psicodiagnosi

con minori

  • Valutazione della capacità di intendere e di volere nel caso in cui il minore commetta un reato (dall'età di 14 anni)
  • Valutazione dell'attendibilità delle dichiarazioni di minori presenti in un procedimento nel ruolo di vittima o di testimone

UTILIZZO DEI TEST IN AMBITO FORENSE:

Nei casi in cui può essere viene richiesto il Risarcimento del danno biologico di natura psichica (da errore professionale, incidente stradale, mobbing, stalking, lutto, ecc) in seguito a eventi di natura traumatica subiti da un individuo e che sono provocati da un soggetto esterno di cui sia stata accertata la responsabilità.