Esame neuropsicologicoDot

E' un servizio utile per la persona che lamenta difficoltà cognitive (difficoltà di memoria, disorientamento ecc) e cambiamenti emotivo-comportamentali (labilità emotiva, depressione ecc), comparsi in età adulta/anziana e che interferiscono nello svolgimento delle attività quotidiane.

La valutazione neuropsicologica è un esame diagnostico finalizzato a rilevare la presenza di disturbi cognitivi (difficoltà di memoria, di ragionamento, di percezione, di attenzione, di linguaggio, delle funzioni esecutive ecc.) e delle implicazioni psicologiche, affettive e di personalità derivanti da eventi patologici.

Le patologie organiche che possono causare tali deficit sono: Demenze, ictus cerebrale, lesioni cerebrali, malattie neurologiche connesse all'invecchiamento, Sclerosi Multipla, neoplasie, traumi cranici, ecc.

Le informazioni ricavate dal colloquio e dalla somministrazione di test cognitivi permettono di pervenire ad una valutazione complessiva del funzionamento cognitivo e all'individuazione delle funzioni deficitarie.

“ Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi ”

- M. Proust -

ApplicazioniDot

L'esame neuropsicologico si rivela uno strumento molto utile in ambito clinico e forense per:

  • Fini diagnostici: fornisce uno screening iniziale con cui formulare delle ipotesi circa la natura del problema; è utile per evidenziare se le difficoltà lamentate sono di origine neurologica o psicopatologica
  • Contribuire alla diagnosi di patologie neurologiche quali il deterioramento cognitivo e monitorarne il decorso nel tempo
  • Pianificare un intervento riabilitativo focalizzato sulle abilità cognitive compromesse
  • Verificare, al di là dell'apparente recupero fisico, il permanere di deficit cognitivi che compromettono il lavoro e la scuola
  • In ambito peritale consente di avere certificazione di danni neuropsicologici per fini assicurativi e legali o può evidenziare simulazioni di disturbi