CAMBIAMENTI NEL LEGAME D'AMORE

LA COPPIA TRA ARMONIA E DELUSIONI

Ognuno di noi quando vive una relazione di coppia desidera legittimamente stare bene con la persona che ha accanto. I rapidi cambiamenti culturali, sociali ed economici avvenuti negli ultimi decenni hanno inciso profondamente sulle aspettative, sui desideri, sugli atteggiamenti delle persone impegnate in una relazione amorosa con la conseguenza di una crescente e sempre più diffusa incapacità a tollerare frustrazioni, delusioni e ad accettare i limiti dell'altro. L’inizio di una relazione può essere vissuta quasi come un idillio, regna l'euforia, si è felici dell’altro e della vita trascorsa insieme: i pregi vengono esaltati, i limiti semioscurati e quando un atteggiamento, una risposta, un comportamento dell'altro provoca una certa irritazione, la tendenza è quella di minimizzare.

Tuttavia il legame amoroso non è statico, si evolve nel tempo e si fa più complesso.

Quei primi momenti esaltanti dell'innamoramento, fondati sull’illusione che l’altro abbia molte, se non tutte le caratteristiche da sempre cercate e desiderate, sono destinati a finire per cedere il passo ad una fase caratterizzata dal disincanto e dalla delusione: il partner viene visto per ciò che è realmente e viene fatto scendere dal piedistallo. Inoltre si possono verificare eventi che minano gli equilibri della coppia.

Più la conoscenza dell'altro si sviluppa e il legame nel tempo diviene profondo e intimo, tanto più si è costretti a fare i conti con un radicale scarto tra l’aspirazione ad un’ideale di armonia, di unione felice da raggiungere a tutti i costi e l'impatto con ciò che del partner risulta sgradevole, pesante e difficile da sopportare. Incomprensioni, critiche, intolleranze, accuse reciproche, risentimenti, aspettative deluse, richieste a volte irrealistiche, malintesi, sono tutte manifestazione del grande divario tra il desiderio di un'armonia idilliaca e la realtà . Si sperimentano sentimenti ed emozioni negative, come tristezza, senso di colpa, rabbia, forte delusione e si affacciano molti interrogativi "E' l'uomo giusto per me?" "Come mai non sono felice e appagato in questa relazione, eppure l'avevo tanto desiderata...." "Perché desidero sempre qualcos’altro? Tante domande, tanti dubbi compaiono creando disorientamento e incertezza rispetto alla propria scelta affettiva.

L'AMORE IMPERFETTO

Le difficoltà, le incomprensioni, le divergenze, fanno parte della vita di una coppia anche perché la relazione tra esseri umani è strutturalmente problematica: ciascuno di noi è un mondo, ha una propria storia, una personalità, una propria modalità di interpretare e vivere la realtà, per questo prima o poi impatta con l'altro che necessariamente è differente da lui.

Sono diversi i fattori che possono condizionare una relazione, modificare gli equilibri e portare ad una crisi:

a volte l'attivazione di particolari meccanismi intrapsichici può incidere fortemente nel rapporto, come nel caso della proiezione idealizzante che porta il soggetto a esaltare il proprio partner, a vederlo dotato di qualità eccezionali alle quali in realtà è egli stesso che aspira e che crede di esserne mancante.
Anche nei casi in cui una soggetto abbia la tendenza ad idealizzare notevolmente il proprio partner, prima o poi è destinato a imbattersi con l' imperfezione dell'altro e a dover fare i conti con i suoi limiti, con la sua diversità.
Questa progressiva consapevolezza può portare anche alla svalutazione totale del compagno/a, all'odio, al rifiuto, a vivere una profonda delusione, cui seguono ferite profonde, rivendicazioni, rancori, distacco emotivo.

Altre volte invece la serenità, l'armonia, gli equilibri nella coppia possono essere sconvolti da eventi stressanti e potenzialmente traumatici: ad esempio difficoltà ad avere un figlio per problemi di infertilità, aborto o al contrario, la nascita di un figlio, una grave malattia, un lutto, la perdita del lavoro, un tracollo economico, l'ingerenza a volte pesante delle famiglie di origine e nel contempo la difficoltà a distaccarsi da esse ecc.

Le delusioni, le ferite, le difficoltà, i conflitti possono dare origine ad una spaccatura, una crepa anche profonda nel rapporto di coppia, ma questo non vuol dire che la storia sia finita e che la relazione sia al capolinea.

CRISI E' CRESCITA

La "crisi" , dal greco krisis cioè "decisione, punto di svolta", è indice sì di un momento difficile, di turbamento, di rottura rispetto al passato, ma prelude anche ad un cambiamento, è un momento di scelta.
Così nella coppia se da un lato la crisi crea destabilizzazione, confusione, malcontento, dall'altro può rivelarsi un momento prezioso di crescita per entrambi i partner : cadute le maschere dell’illusione romantica o alle prese con le difficoltà reali che si presentano lungo il loro cammino, essi hanno la possibilità di conoscersi maggiormente e di guardarsi davvero per ciò che sono, sia per le risorse che sono in grado di mettere in campo in un momento difficile, che per i limiti che possono mostrare.

In tal modo la relazione può crescere e divenire più profonda perché fondata su dati reali, cioè su ciò che l’altro è veramente, sulle caratteristiche che possiede e su ciò che è in grado di poter offrire anche per affrontare situazioni problematiche che inevitabilmente prima o poi si presentano nel corso nella vita.
Quell'amore basato sull'immagine ideale del proprio partner cede così il posto ad un amore più maturo, in cui si ama l'altro nel suo modo di essere reale, sia per i suoi punti di forza che per le sue imperfezioni e mancanze.
Copyright © 2021 - P.IVA 00224558882
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram